• L’Esposizione Universale di Chicago del 1933 – CENTURY OF PROGRESS

    La partecipazione all’esposizione di Chicago da parte del governo italiano non era così scontata. A determinare il successo della partecipazione italiana il console italiano a Chicago Giuseppe Castruccio e Giulio Provenzal chimico al Cnr e direttore della rivista “La Ricerca Scientifica”, che ha curato la collezione e la raccolta dei documenti con il relativo catalogo e archivio.
  • Il Polo della Scienza e della Tecnica

    Il palazzo del Cnr, voluto dall’allora presidente Guglielmo Marconi, viene inaugurato nel 1937. La sua edificazione nasce dall’esigenza politico-infrastrutturale di creare un Polo Scientifico all’avanguardia per le attività scientifiche e tecniche.
  • Marconi, Meucci e l'invenzione del telefono

    Il Governo incarica il CNR, presieduto da Guglielmo Marconi, di organizzare la partecipazione italiana all’Esposizione Universale di Chicago del 1933 – CENTURY OF PROGRESS. L’obiettivo è quello di mettere in risalto i progressi scientifici e tecnologici dell’Italia, anche attraverso la realizzazione di un archivio degli oggetti e dei documenti della tradizione scientifica italiana da utilizzare in collaborazione con il museo della Scienza e dell’Industria di Chicago -Science Hall. Antonio Meucci, in questa occasione, presenta la sua invenzione: il telefono.
  • Il museo del Cnr - Museo della Scienza e della Tecnica "Leonardo da Vinci"

    Tutto ha inizio tra la fine del  1928 e l’inizio del 1930, quando il governo incarica il CNR di organizzare la collezione e la documentazione tecnico-scientifica per la partecipazione dell’Italia all’Esposizione Universale di Chicago nel 1933.